L’arte si manifesta in un Time Lapse

L’arte si manifesta in un Time Lapse

Quando ci troviamo di fronte ad un bellissimo paesaggio, vorremmo renderlo indelebile nello spazio e nel tempo. Questo è quello che ci permette di fare un time lapse: di collezionare ricordi e di rendere incancellabili gli istanti.
Time Lapse Italia è il primo e anche il più conosciuto portale italiano che raccoglie gli appassionati di fotografia e di questa tecnica cinematografica.
Abbiamo avuto l’occasione di intervistare il suo ideatore, Marco Famà, che è riuscito a portare il Time Lapse anche in Italia, condividendo la sua passione sul web.

1- Marco, Time Lapse Italia è uno degli esempi più evidenti di come Internet permetta la diffusione di emozioni. Che magia si nasconde dietro ad ogni time-lapse?
Ciao Livia, e ciao Sharemag!
Prima di rispondere alla vostra domanda vorrei ringraziarvi per avermi dato l’opportunità di parlare del progetto Time Lapse Italia sulle vostre pagine.
Mi piace sempre pensare che la magia più bella che si cela dietro ad ogni buon time-lapse sia… il tempo per noi stessi, quello che magari riusciamo a passare letteralmente disconnessi dal mondo che ci circonda e da ogni scocciatura.Certo, puoi sapere tecnicamente come realizzare un time-lapse, ma la prima cosa di cui hai bisogno è il tempo per acquisire gli scatti, che potrebbe variare da qualche ora a intere notti passate a scattare una foto verso il cielo ogni 25 secondi!
Se ci pensi, per una sequenza video di soli 4 secondi hai bisogno di circa 100 di scatti, ovvero di circa 1h all’aperto!
Quanti pensieri puoi elaborare durante quell’ora? E’ fantastico!

2 – Ci sono delle applicazioni per smartphone che possono facilitare la creazione di time-lapse? E se sì, quali di queste applicazioni hai testato, quindi consiglieresti ai tuoi lettori di provare?
Oggi realizzare un time-lapse con uno smartphone è semplicissimo, e con un dispositivo come iPhone hai anche la funzione nativa “time-lapse” integrata nella fotocamera!
Se non ti vuoi accontentare delle poche personalizzazioni fornite da iOS e della qualità della fotocamera del tuo smartphone, ma vuoi realizzare un time-lapse utilizzando una vera e propria fotocamera, a questo punto ci sono diverse applicazioni in grado di aiutarti sia in fase di pianificazione come PhotoPills, The Photographer’s Ephemeris eStarlight, ma soprattutto app complete come IguanaLapse, fantastiche compagne di viaggio per veri professionisti del time-lapse.

3 – Il tuo sito è una community vera e propria, dove non solo si può confrontarsi ma anche imparare tecniche base ed avanzate di time-lapse, attraverso diversi tutorial gratuiti e in italiano. Qual è l’aspetto più difficile che hai affrontato nella gestione del tuo portale?
In tutta sincerità? Mantenere una certa costanza nel corso degli anni.
Time Lapse Italia è sì una fantastica community di appassionati di fotografia e video-making consolidata, conosciuta e fonte d’ispirazione.. ma è a tutti gli effetti anche un portale web molto frequentato, ben strutturato e ricco di informazioni che sono state create poco a poco, aggiornate nel tempo, promosse metodicamente sui social network e mantenute il più possibile pulite e sempre accattivanti.
Alcuni non ci credono ancora quando lo dico o lo scrivo, ma Time Lapse Italia è davvero un progetto portato avanti quasi esclusivamente da me!
Di Time Lapse Italia gestisco praticamente ogni aspetto: dal webdesign alla programmazione, dal social media marketing alla gestione a 360° dei canali social, dalle relazioni con la stampa alla produzione continua di contenuti, nonché all’ottimizzazione degli stessi per i motori di ricerca e potrei elencartene altre, Livia! Immagino che anche voi sappiate bene di quanto lavoro ci sia dietro un progetto editoriale.
Tra le cose più difficili da fare c’è trovare il tempo per rispondere a tutti quelli che ti contattano: non importa che qualcuno arrivi al progetto Time Lapse Italia via TLI ForumFacebookTwitterGoogle+ o mail.
Ho sempre pensato che tutti gli utenti meritassero la giusta attenzione, e ti dirò che questo nel tempo mi ha ripagato.

4 – Time Lapse Italia è essenzialmente dedicata ai videoamatori italiani. Hai avuto modo di interfacciarti anche con chi usa e apprezza questa tecnica all’estero?
Certamente!
Nel panorama mondiale ci sono tanti autori italiani di time-lapse degni di nota, sebbene alcuni tra i migliori non siano sfortunatamente nostri connazionali.
Ho conosciuto tra questi il Maestro Rob Whitworth, autore e in qualche modo “inventore” della tecnica avanzata del flow-motion.
Ho speso qualche minuto con Geoff Tompkinson, l’uomo che ha fatto dei viaggi alla ricerca di splendide immagini e sequenze video, la sua vita!
Ho avuto la fortuna di conoscere Beno Saradzic, una di quelle persone a cui un time-lapse realizzato quasi per scherzo ha cambiato per sempre la vita.
Proprio per questa ragione, e dopo quasi due anni dal lancio di Time Lapse Italia, ho deciso infatti di buttarmi in un’avventura forse troppo ambiziosa: Time Lapse Network, la versione in lingua inglese del portale sul time-lapse.

5 – Qual è stata la più grande soddisfazione che hai avuto realizzando questo grande progetto?
Il riscontro del pubblico.
Analizzare i dati sugli accessi al sito, e vederli crescere in percentuali positive costanti per tantissimi mesi, fino a stabilizzarsi certo – parliamo comunque di un argomento davvero di nicchia!
Vedere il suo portale citato su siti Internet del calibro del Corriere della Sera, La Stampa, Wired, Ninja Marketing, National Geographic Blog Italia, o menzionato in servizi televisivi di TG Rai e non solo!
Tutto questo è – davvero – la migliore soddisfazione che uno possa avere.

Livia Ranieri

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

9.939 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress