La Summer School on Ontology Engineering and the Semantic Web arriva a Bertinoro

La Summer School on Ontology Engineering and the Semantic Web arriva a Bertinoro

Dopo essere stata ospitata per dieci anni a Cercedilla, in Spagna, la prestigiosa Summer School on Ontology Engineering and the Semantic Web si trasferisce quest’anno in una località ancora più suggestiva: lo splendido paesino di Bertinoro, vicino Bologna.

La scuola, conosciuta in tutto il mondo, è da sempre punto di riferimento per i ricercatori del web semantico, ossia un punto d’interesse per tutti quegli studiosi orientati a rendere possibile una nuova visione del web che si basa sull’idea che tutti i documenti pubblicati sul World Wide Web possano essere associati a informazioni e metadati che ne specifichino la corretta semantica, in un formato machine readable.

Questo approccio semantico, che permetterebbe anche ad alcuni programmi di interpretare e esplorare la Rete, senza bisogno dell’assistenza umana, ha portato già alla creazione dei cosiddetti Linked Data, ossia di dati strutturati e collegati fra loro che consentano di effettuare query (in SPARQL) o ragionamenti, usando la conoscenza collettiva scaturita dai rispettivi dataset.
L’obiettivo finale è creare un ambiente, in cui i dati provenienti da fonti diverse siano integrabili e collegabili, favorendo interrogazioni ed esplorazioni che comprendano gran parte della conoscenza umana pubblicata sul Web.

Negli ultimi tredici anni, il Semantic Web ha fatto passi da gigante, sia dal punto di vista delle tecnologie che dal punto di vista del sostegno politico. Infatti, oggi numerose aziende, università e governi considerano una buona politica rilasciare i propri dati in RDF, aumentando la trasparenza e favorendo nuovi tipi di analisi.

La sessioni e i workshop presso la Summer School si svolgeranno nella settimana compresa tra il 5 e l’11 luglio e vedranno protagonisti 60 tra i migliori studenti del settore provenienti da tutto il mondo, che saranno guidati da un gruppo di celebri ricercatori internazionali: Claudia D’Amato (Ricercatrice presso l’Università di Bari), Mathieu D’Aquin (Ricercatore al KMi, The Open University), Eva Blomqvist (Assistant Professor all’Università di Linköping), Oscar Corcho (Professore associato all’UPM), Philippe Cudre-Mauroux (Professore all’Università di Fribourg), Frank van Harmelen (Professor at VU University Amsterdam), Roberto Navigli (Professore associato all’Università La Sapienza di Roma), Axel Ngonga Ngomo (University of Leipzig), Axel Polleres (Professore alla WU Wien), Steffen Staab, Marıa-Esther Vidal (Professoressa presso l’Universidad Simón Bolívar), Valentina Presutti (Ricercatrice presso il Semantic Technology Lab del CNR).

A rendere possibile la realizzazione della SSSW, hanno contribuito The Open University, Politecnica, Knowledge Media Institute, BiCi, MyLinder, MKSmart, Ontology Engineer IngGroup, Reply Whitehall ed il CNR. Quest’ultimo è stato il principale promotore dell’evento e ha giocato un ruolo fondamentale nell’organizzazione della scuola anche attraverso la figura della sua ricercatrice Valentina Presutti, direttrice della summer school.

Per ulteriori informazioni: Summer School on Ontology Engineering and the Semantic Web di Bertinoro.

Livia Ranieri

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.902 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress