Smart mobility, ecco com’è andata!

Smart mobility, ecco com’è andata!

L’I3P, Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino, ha organizzato l’incontro Smart Mobility, mobilità sostenibile per vivere meglio, con lo scopo di presentare diversi modelli di sostenibilità ambientale capaci di mutare e innovare l’attuale sistema di trasporto privato.

C’erano le biciclette elettriche a pedalata assistita di Zeroundici, personalizzabili in base ai propri gusti grazie a un configuratore web e non potevano certo mancare i veicoli elettrici e ibridi costruiti con materiali innovativi della BeonD che ha progettato mezzi leggeri, performanti e dai bassi consumi.

A tal proposito abbiamo chiesto a Enrico Ghia, organizzatore dell’evento, qual è l’effettivo possibile sviluppo sul mercato di questo particolare tipo di veicoli?

I veicoli ibridi avranno uno spazio sempre maggiore nei prossimi anni, per una diffusione di massa dei veicoli elettrici dovremo invece assistere a modifiche sostanziali dell’attuale paradigma di circolazione delle vetture e delle infrastrutture. A fronte di uno scenario di questo tipo nascono proposte di vetture ibride ed elettriche dedicate in modo specifico alla mobilità urbana, in contrapposizione al modello tradizionale di vettura adatta sia alla mobilità in città, sia per i lunghi viaggi. In questo senso, BeonD, una delle realtà presenti all’evento, sta costruendo da anni una rete di attori sul territorio, pronti a cogliere la sfida, partendo da una piattaforma tecnologica di vettura basata sul concetto di ibrido serie.

Non sono stati, però, presentati solo nuovi modelli per spostarsi, ma anche soluzioni con obiettivi diversificati tra cui la sicurezza, il miglioramento delle condizioni di lavoro e la condivisione di un mezzo di trasporto ecocompatibile. In questo quadro si inseriscono Easyrain, per contrastare il fenomeno dell’aquaplaning, e Veicoli, l’app per la gestione in cloud integrata di tutte le scadenze, i costi e le manutenzioni di automobili, moto, camion, e altri mezzi. Questo gestionale ci ha incuriosito particolarmente e il Dott. Ghia ci ha spiegato cosa possiamo trovare all’interno dell’app e come è agevolato il lavoro: Poter fruire di una risorsa in rete senza la necessità di spazio dedicato su dispositivi locali dà la possibilità di utilizzare non solo pc o notebook, ma anche dispositivi mobili, per avere accesso alle informazioni di cui abbiamo bisogno, inoltre la sincronizzazione permette di avere accesso da più dispositivi. Questo è vero anche se il campo di applicazione diventa la gestione del proprio veicolo, in particolare con l’applicazione VeicoliAPP, possiamo gestire le scadenze, grazie a un sistema di avvisi in prossimità delle scadenze. A breve l’applicazione permetterà l’aggiunta di altri servizi, tra i quali il pagamento del bollo auto, la segnalazione di preventivi per ottimizzare il costo dell’assicurazione, e così via.

Infine ci siamo chiesti se si può davvero andare verso il carpooling aziendale, cioè il sistema di condivisione dell’automobile per il tragitto casa-lavoro e viceversa tra colleghi o più in generale tra dipendenti di aziende vicine, accumulando un risparmio di anidride carbonica ad ogni viaggio in carpooling e la risposta del Dott. Ghia è stata illuminante dal momento che credevamo ancora nella prepotenza della proprietà privata. Dai dati in nostro possesso direi proprio di sì: Bring Me, la startup che ha lanciato il servizio JoJob, sta realizzando significativi risultati. In questo caso potremmo dire che la crisi economica e la tendenza alla condivisione delle risorse grazie a soluzioni in rete, spingono quella che possiamo considerare una buona pratica tradizionale, ossia la condivisione del mezzo di trasporto, specialmente tra colleghi di una stessa azienda. Probabilmente anche la possibilità di conoscere i propri colleghi, al di fuori di uno schema gerarchico o funzionale, può essere un effetto desiderato dagli utenti. Ovviamente non si parla di sostituire la propria vettura in toto, ma parzialmente e in modo flessibile.

Non possiamo che sperare nel grande successo di queste soluzioni sostenibili!

Luciana Spina

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.944 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress