Sicurezza e Privacy su Telegram

Sicurezza e Privacy su Telegram

Telegram la famosa app di messaggistica istantanea che sta sfidando WhatsApp (WhatsApp vs Telegram) in tutti sensi, vantando migliore performance e sicurezza, sta ottenendo molta visibilità per il suo interesse verso la nostra privacy.

Infatti, per questa sua caratteristica innovativa, ha attirato l’attenzione di tutti: non solo degli utenti, ma anche degli hacker, al punto che il team creatore ha deciso di dare avvio al Telegram Crash Contest, per dimostrare ancora una volta la sua inattaccabilità.

Ma come funziona effettivamente Telegram e come vengono criptati i messaggi?
Il team Telegram ha costruito un protocollo proprietario chiamato MTProto, quindi ha stabilito le regole tramite le quali deve avvenire la comunicazione tra gli utenti che utilizzano il servizio, prevedendo due livelli di crittografia. La crittografia Server-Client viene usata nelle Chat Cloud (chat private e chat di gruppo), mentre le Chat Segrete utilizzano un ulteriore di livello di crittografia Client-Client.

Sul sito di Telegram è specificato che la cifratura dei messaggi assimmetrica si basa sul sistema RSA 2048, quella simmetrica sul sistema AES a 256-bit, e lo scambio di chiavi di sicurezza è di tipo Diffie-Hellman. Quindi tutti i dati (e per tutti i dati sono inclusi anche i file), che invieremo e riceveremo su Telegram, non possono essere decriptati quando intercettati dall’ISP (Internet Service Provider), dall’amministratore di rete e da terzi.

LE CHAT SEGRETE

Un menzione speciale va alle chat segrete di Telegram che utilizzano la crittografia end-to-end e non lasciano tracce sui server, supportando anche l‘autodistruzione dei messaggi programmata, tramite la possibilità di impostare un timer.
I vantaggi? Queste chat possono essere distrutte e il contenuto non può essere inoltrato, né essere accessibile da qualsiasi altro dispositivo collegato al nostro account Telegram (per esempio tramite pc).
Questo avviene perché le chat segrete non vengono archiviate nel cloud, quindi rimangono disponibili in locale.
Per ulteriori informazioni, sulle chat segrete: Telegram, il sito ufficiale.

LA FUNZIONE LUCCHETTO

Un’altra funzione molto interessante, sempre nell’ottica sicurezza, è il lucchetto che permette all’utilizzatore di bloccare l’accesso al proprio account tramite codice, al fine di tenere lontani curiosi e occhi indiscreti.
Come fare?
Per utilizzare il lucchetto, è sufficiente entrare sull’applicazione e recarsi sulle Impostazioni. Arrivati a quel punto, scegliere l’opzione Privacy e sicurezza.
Da qui possiamo selezionare Blocco con codice, quindi inserire il nostro codice di sicurezza personalizzato.
Nella pagina dei contatti, in alto, ci apparirà un lucchetto che potremo chiudere prima di uscire dall’applicazione. In tal modo il nostro Telegram sarà accessibile solo da chi conosce il codice segreto, cioé da noi.

Attualmente Telegram è disponibile in molte lingue tra cui Inglese, Spagnolo, Arabo, Tedesco, Italiano e Portoghese per tutte le piattaforme, ma, continuando a crescere, sta anche gradualmente espandendo la lista delle lingue ufficiali che supporta.

Angelo Aquilante

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

9.939 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress