Google Play Music, musica in streaming e il proprio archivio online

Google Play Music, musica in streaming e il proprio archivio online

Esistono diverse piattaforme che ci consentono di ascoltare la musica in mobilità, senza doverla scaricare direttamente sul nostro device, dandoci l’opportunità di accedere alle nostre playlist da differenti dispositivi.
Le applicazioni web più conosciute e più scaricate sono Spotify, Apple Music e Google Play Music.

Nello specifico, per Android e desktop, esiste Google Play Music, la piattaforma di streaming musicale offerta dal gruppo di Mountain View.

Il servizio di Google, costantemente aggiornato con nuove funzionalità, è disponibile in due versioni:

  • una gratuita denominata Standard che consente di avere a disposizione un archivio di 50.000 brani, che possono essere uplodati sul cloud a discrezione dell’utente;
  • una Unlimited, che, in aggiunta, previo pagamento di un canone mensile, permette all’utilizzatore di accedere ad un catalogo online composto da milioni di brani e di creare una radio personalizzata, la quale prevede un’offerta musicale che viene costruita sulla base dei gusti dell’utente e sulla base della sua cronologia degli ascolti.

Come interfacciarsi con le due versioni Google Play Music?
Nel caso in cui si voglia fruire del servizio Gratuito è sufficiente, collegarsi alla Pagina di Google Play (Google Play Music) e cliccare No, Grazie.

google-play-music

Google Play Music, per consentire agli utenti di avere una prima esperienza con il servizio a pagamento, offre comunque una prova gratuita.

Come creare il proprio archivio online?
Per creare il proprio archivio online è sufficiente caricare sulla piattaforma i propri brani personali, che possono provenire anche dagli acquisti effettuati su iTunes, Windows Media o Google Play.

Christian Ricciardi Calderaro

Christian Ricciardi

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

9.298 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress