Cookie: i chiarimenti del Garante

Cookie: i chiarimenti del Garante

A soli tre giorni dalla scadenza del termine per l’adeguamento del proprio sito Internet agli obblighi in materia di cookie, il Garante della Privacy interviene per calmare gli animi agitati dei piccoli gestori.

Il Garante chiarisce, quindi alcuni aspetti del provvedimento n. 229 dell’8 maggio 2014 e immediatamente precisa che gli adempimenti da compiere in questo settore derivano da una normativa europea che l’Italia è tenuta a recepire; inoltre, il provvedimento tanto osteggiato è stato preceduto da una consultazione pubblica durante la quale è stata data a tutti, piccoli gestori compresi, la possibilità di esprimersi in merito.

In primo luogo il Garante ha palesato che i siti Internet che non usano i biscottini informatici non sono obbligati ad adeguarsi ad alcunché, però attenzione perché i cookie tecnici servono proprio a tutti e per essere in regola va almeno inserita l’informativa. Quest’ultima è sufficiente anche per i cookie analitici realizzati e utilizzati direttamente dal sito prima parte.

Per i siti che si avvantaggiano di cookie analitici di “terze parti”, il discorso è più complicato Ai gestori dei siti, per non essere soggetti a tutti gli obblighi e agli adempimenti della normativa, è consigliato di stipulare, con le terze parti, accordi contrattuali che prevedano lo specifico obbligo di utilizzo dei cookie esclusivamente per monitoraggio a fini statistici e l’impegno ad adottare misure di riduzione del potere identificativo dei cookie stessi e a non incrociare le informazioni ricavate con altre già conseguite.

Inoltre se sul sito ci sono link a siti terze parti (banner pubblicitari, collegamenti a social network) che non usano cookie di profilazione, non occorre richiedere alcun consenso.

Diversamente bisogna prestare attenzione a quei link che si avvantaggiano dei cookie di profilazione per tracciare l’identikit dell’utente allo scopo di inviargli messaggi personalizzati in quanto rendono obbligatoria la procedura di sottoposizione dell’informativa e di acquisizione del consenso.

In conclusione sappiate che l’avvertimento secondo il quale la prosecuzione della navigazione implica l’accettazione dei biscottini è in linea con i requisiti di legge se chiaramente indicato nell’informativa e capace di generare un evento registrabile e documentabile presso il server del gestore del sito prima parte, qualificandola come azione positiva dell’utente.

Luciana Spina

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.902 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress