Consumer experience e le frontiere del branding

Consumer experience e le frontiere del branding

Per avere successo e riuscire a rendere un prodotto interessante agli occhi di un’audience bisogna analizzare il mercato di riferimento, pianificare una strategia ed essere costantemente presenti sui social, senza dimenticare di puntare sulla qualità, uno degli elementi cardine per conquistare il target d’interesse e costruire una buona reputazione sulla Rete.
In questo contesto, abbiamo avuto l’occasione di intervistare Alessandra Carmen Maria Clerici, Brand Manager di tNotice, che ci ha raccontato della sua esperienza come Brand Manager, e su come si è evoluta negli anni la professione.

Alessandra-Clerici-tNotice-intervista-Sharemag1 – Cosa significa lavorare nel brand management?
Il brand management è l’insieme di azioni e decisioni di marketing utili a raggiungere gli obiettivi che l’azienda si propone, come aumentare il valore del prodotto percepito dai consumatori e di conseguenza l’aumento di distribuzione e vendita.
Il compito del Brand Manager è quello di lavorare sulla percezione del target a cui il prodotto è destinato: ne potenzia l’affordance e ne migliora l’esperienza.
Dobbiamo ricordare che per prodotto non sempre si intende un oggetto fisico, infatti, la gestione del brand si applica a tutte quelle realtà che vogliono entrare sul mercato e comunicare in modo significativo il proprio valore differenziale.

2 – Come si è evoluta la professione con Internet e l’avvento dei social network?
Internet è l’incubatore della comunicazione online del marchio, mentre i social network equivalgono alla possibilità concreta di raggiungere un’ampia utenza (ovvero potenziali consumatori) nel minor tempo possibile, utilizzando strategie virali e progettate ad hoc.

In un mondo veloce e digitale, come quello in cui viviamo, è impensabile ignorare la forza mediatica dei nuovi media.
Se si pensa ad esempio al marchio storico Coca-Cola, che per “gli addetti ai lavori” rappresenta l’emblema della marca e si considerano tutte le scelte di marketing che hanno dato vita all’icona, è chiaro comprendere che per comunicare nel modo corretto è necessario adottare lo stesso linguaggio di cui il consumatore fa uso nel quotidiano.
Se a inizio ‘900 Coca-Cola veniva sponsorizzata sulla copertina di American Druggist “come fonte di refrigerio”, oggi lo stesso marchio attualizza la sua comunicazione e dà vita alla campagna AHH negli USA sul web, o #bacialafelicità in Italia per rimarcare i suoi valori di icona classica.

3 – Quali sono cose che il brand manager deve sapere?
Il Brand Manager deve sapere che il focus del proprio operato è creare e potenziare la Brand Experience: è necessario comprendere come e con quali modalità si può potenziare la percezione della marca, creare e migliorare l’esperienza dei consumatori online e off-line.

4 – Qual è l’errore che un brand manager non deve assolutamente fare?
L’errore da non fare MAI è scegliere di non puntare sulla qualità.
Spesso tale errore viene commesso dai professionisti a causa di tempi ristretti, diktat economici e una pessima comunicazione col cliente. Le conseguenze sono gravi, perché creano perdite di valore concrete a livello economico e di prestigio della marca.

Altro errore da evitare è creare l’azione e l’operatività senza aver prima consultato con attenzione i dati di analisi di mercato riguardanti anche gli actors e i competitors, perché si arrischia una strategia fuorviante che espone l’investimento economico del cliente ad un potenziale fallimento.

5 – Quante ore dedichi alla tua professione?
Dipende molto dal progetto e dalla tipologia di cliente.
Solitamente organizzo la settimana e i giorni schedulando delle ore fisse di lavoro (orario di ufficio).
Per i clienti esteri, la gestione del tempo è in differita ed è necessaria un’attenta pianificazione degli appuntamenti per definire il work in progress. Per essere professionale credo sia necessario schedulare e dedicare parte del tempo lavorativo alla fase di studio, ricerca e aggiornamento.

Livia Ranieri

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.902 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress