L’Invasione dei Cinafonini

L’Invasione dei Cinafonini

Il mercato mondiale degli smartphone è in pieno fermento ed è lo specchio di un continuo ricambio di prodotti, di una continua ricerca di performance e di design.
Le dimensioni degli schermi si diversificano, aumenta la RAM, gli storage si fanno più capienti ed i terminali dual sim si impongono anche in europa.
In questo contesto, non c’è da stupirsi se piano, piano aumentano anche le quote di mercato di produttori anche sconosciuti come Oppo, Xiaomi, One Plus, Iocean, Meizu, Zte, Elephone, Zopo, Jiayu, anche a discapito di alcune delle multinazionali nostrane.

C’è da dire che la concorrenza in casa Android è feroce e spietata e si gioca su due terreni, sul prezzo ma anche sul design. La One Plus ha saputo muoversi con abilità sia sui social media con un’abile azione di marketing, sia sui contenuti hardware che hanno fatto diventare il brand popolarissimo ed ambito. Iocean si è fatta conoscere per l’X8, un modello con display da 5,7″, molto elegante in acciaio e vetro sullo stile del Sony Xperia.
Xiaomi, Meizu, Zte e altre aziende produttrici di smartphone made in china, puntano su prezzi abbordabili, dotazioni da top di gamma, linee dal design accattivante e ultimamente assistenza in Europa o addirittura in Italia con 2 anni di garanzia.

A queste nuove marche rampanti però stanno rispondendo Samsung, ma anche Lenovo con il K3 Note che sarà commercializzato prossimamente e ASUS, che con il prossimo lancio dell’attesissimo Zenfone 2 con 4 Giga di RAM sta per alzare l’asticella della competizione basata sulle performance, ma anche sul prezzo.

Angelo Aquilante

Share this:

Leave a Reply

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.902 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress